Decreto Fisco-Lavoro (ex DL 21.10.2021 n. 146 conv. L. 17.12.2021 n. 215)
Principali novità in materia fiscale e di agevolazioni apportate in sede di conversione

La presente Circolare analizza le principali novità in materia fiscale e di agevolazioni apportate in sede di conversione del DL 21.10.2021 n. 146 (c.d. decreto “fisco-lavoro”) nella L. 17.12.2021 n. 215.

In particolare, vengono analizzati:

  • l’ulteriore proroga dei termini di pagamento delle cartelle di pagamento notificate dall’1.9.2021 al 31.12.2021;
  • il rinvio dall’1.1.2022 all’1.7.2022 delle modifiche alla disciplina del c.d. “esterometro”;
  • la proroga per il 2022 del divieto di emissione di fattura elettronica per le prestazioni sanitarie;
  • il rinvio dall’1.1.2022 all’1.1.2023 dell’obbligo di invio dei corrispettivi al Sistema tessera sanitaria;
  • la modifica del regime IVA per gli enti associativi, le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale;
  • l’ulteriore proroga al 31.1.2022 della regolarizzazione dei versamenti IRAP relativi al saldo 2019 e al primo acconto 2020, al fine di rispettare la disciplina comunitaria degli aiuti di Stato;
  • le modifiche ai limiti per la contabilità di magazzino;
  • l’introduzione dell’impossibilità di presentare ricorso contro l’estratto di ruolo;
  • la modifica della disciplina sul controllo formale delle dichiarazioni precompilate, presentate direttamente o tramite il sostituto d’imposta;i benefici ai fini delle imposte dirette per l’impiego di lavoratori con disturbo dello spettro autistico;
  • il regime di esenzione IMU dell’abitazione principale per gli immobili dei componenti del nucleo familiare ubicati in Comuni diversi;
  • le modifiche al regime dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale;
  • le modifiche al regime di non imponibilità IVA per i trasporti internazionali di beni;
  • le modifiche al canone unico patrimoniale per le occupazioni permanenti realizzate con cavi e condutture.

In sede di conversione del DL 146/2021 è stata inoltre abolita l’estensione agli iscritti solo nel Registro dei revisori legali dell’abilitazione al rilascio del visto di conformità, prevista dal testo originario del DL.

Certi del Vostro gradimento, restiamo a disposizione per ogni ulteriore informazione.

Cordiali saluti.